La partecipazione alla società dell’apprendimento

In conclusione, come appare evidente, la società dell’apprendimento è positivamente associata ad ogni tipologia di categoria pure presente nel mercato del lavoro ovvero: occupati, disoccupati, persone con redditi minimi, e persone caratterizzate da deprivazione materiale. Solo nel caso dei poveri e degli esclusi socialmente si verifica una relazione priva di positività. Tale relazione che manca la positività è prodotta sostanzialmente dal fatto che i poveri e gli esclusi sono stralciati anche dal novero della disoccupazione, poiché essi, privi di motivazioni, hanno smesso di cercare lavoro. La società della conoscenza, l’economia della conoscenza, richiedono un orientamento all’apprendimento da parte della popolazione.

Tuttavia occorre considerare che anche l’economia della conoscenza ha i suoi fallimenti ed essi risiedono nella sottoproduzione del bene conoscenza e nello sviluppo di una economia dei servizi che si caratterizza per forme di precariato crescente e di orizzontalismo organizzativo che si oppongono allo sviluppo dei percorsi di carriera dei lavoratori.

Per un approfondimento clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *