La riduzione della qualità del lavoro nelle macro-regioni italiane

Nell’articolo seguente viene analizzato l’andamento dell’indice della qualità del lavoro. L’indice della qualità del lavoro è costituito dall’Istat come un indice composito avente il 2010 come anno di riferimento ovvero 2010=100. L’andamento dell’indice della qualità del lavoro mostra l’esistenza di un divario tra Nord e Sud con il Nord strutturalmente al di sopra del valore di riferimento ed il Sud al di sotto della soglia indicata. I dati fanno riferimento al periodo tra il 2008 e il 2016. In modo particoalre dal 2008 al 2016 l’indice della qualità del lavoro è diminuito sia nel Nord, sia nel Centro sia nel Sud. Interventi di politica economica del lavoro rivolti ad incrementare gli stipendi, ad aumentare la continuità lavorativa, a garantire una migliore soddisfazione per il lavoro svolto, insieme anche con la riduzione del part time involontario possono comportare una crescita del valore dell’indice della qualità del lavoro.

 

Per un approfondimento clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *