Denaro e fiducia: tra prossimità e alterità

L’elemento essenziale per il denaro è la fiducia. La fiducia nel denaro è sia micro-fondata attraverso le relazioni di prossimità, sia realizzata attraverso il riconoscimento dell’alterità. Tuttavia il denaro richiede un patto sociale sottostante ampio in grado di essere aperto alle relazioni con gli estranei, con gli stranieri. La digitalizzazione del denaro ripropone in forme nuove la questione della prossimità e alterità del denaro.

Per un approfondimento clicca qui.

 

 

La contraddizione tra libertà e uguaglianza come costruzione istituzionale

Gli economisti hanno consentito di superare le contraddizioni tra libertà e uguaglianza per il tramite delle teorie della libertà di capacitazione e dell’eguaglianza delle opportunità. Tuttavia la scomparsa della classe media nelle democrazie post-89 e la polarizzazione delle classi sociali mette in evidenza la necessità di una novazione istituzionale per rendere esperibile per i cittadini la relazione tra libertà e ugualianza.

Per un approfondimento clicca qui.

La creatività per vincere la sfida tecnologica

La tecnologia promette di sostituire gran parte delle attività svolte dall’uomo. Tuttavia proprio la sfida tecnologica induce alla creazione di un tipo di umanità fondata sulla dimensione creatrice, generatrice, innovatrice. Gli elementi della creatività possono consentire di vincere il “gioco a somma zero” tra individuo e tecnologia.

Per un approfondimento breve clicca qui.

Limite e trascesi nella manifestazione del sé

Le religioni hanno messo in risalto il limite dell’uomo eppure hanno riconosciuto la tensione umana a trascendere il limite. Il rapporto tra limite e trascesi presente nella religione costituisce il fondamento del processo di civilizzazione. Esso opera anche nella società dell’informatica, della digitalizzazione e delinea il ruolo dell’uomo in rapporto alla conoscenza e alla verità.

Per un approfondimento clicca qui.

 

N. Dash, Hot Eye, 2016, Moma, NY.

Motivazioni, Effort e Produttività

L’effort, ovvero l’impegno, è difficile da valutare in termini di costi per l’operatore. Tuttavia la capacità di incrementare la produzione dipende dalla mobilitazione delle motivazioni individuali in grado di aprire l’individuo all’utilizzo degli elementi immateriali della produzione come il talento, la creatività, la trasposizione dell’esperienza in fatto e manufatto anche digitale. Gli imprenditori positivi creano delle strutture organizzative per rimuovere gli ostacoli frapposti tra l’individuo e il giacimento interiore e motivazionale della produttività.

Per un approfondimento clicca qui.

 


Ed Atkins, 2016, Moma, NY.

L’impresa creatrice

L’imprenditore crea sé stesso attraverso l’esercizio dell’attività produttiva. Tuttavia la creazione opera sia attraverso i prodotti sia attraverso la struttura organizzativa aziendale.  Sia i prodotti che la struttura organizzativa aziendale sono strumenti per consentire all’impresa di partecipare alla creazione di un ambiente favorevole. L’obbiettivo dell’impresa trascende la dimensione del profitto per assurgere all’egemonia esercitata nella sfera cognitiva del consumatore.

Per un approfondimento clicca qui.

 

Chris Ofili, 2017, Moma, NY.

 

 

La governance libertaria globale

L’indebitamento degli stati insieme con l’indebitamento dei privati manifesta la debolezza del pubblico e delle famiglie. I soggetti economici creditori sono imprese orientate alla massimizzazione shortermistica dei flussi finanziaria. Il compito della felicità individuale e collettiva sfugge dalle possibilità dello Stato e dei privati per divenire una meta disposta dalle Big Corportations come forma di finanziarizzazione installata nel comportamento subordinato del consumatore.

Per un approfondimento clicca qui.

 

Martin Assig Blaise Cendrars: Gedichte I 2016 (originally published 1947), Moma, NY.